Carcere Arezzo. Sovraffollamento, mancanza di attivita’ e limitazioni alle ispezioni parlamentari

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

132 detenuti per 65 di capienza (90 quella tollerata), di cui 79 stranieri e 45 definitivi, contro 58 agenti di polizia penitenziaria in funzione rispetto a 82 in organico. Con questi numeri il direttore Paolo Basco ci ha descritto le condizioni della struttura che secondo una comunicazione ufficiale “a breve” dovrebbe chiudere per lavori di ristrutturazione esterni (2 milioni e mezzo di euro assegnati da oltre 1 anno). All’interno abbiamo parlato coi detenuti e visitato celle in cui 8 persone sono stipate mangiando a turni, difficolta’ di lavoro essendo solo 17 i posti di lavoro interni (cuoco, scopino, ecc…), celle singole di neppure 6 metri con l’aggiunta del secondo letto (a castello).
Nella visita di stamane, inoltre, mi e’ stata mostrata una circolare del Dap, firmata da dr. Franco Ionta n. 481177 del 30 dicembre 2009, che limita fortemente e illegalmente le visite ispettive dei parlamentari che secondo l’art. 67 del regolamento penitenziario possono essere accompagnati dai 2 collaboratori per “ragioni d’ufficio”; la circolare in questione descrive cosi’ minuziosamente come devono essere queste persone che accompagnano: “debbano ritenersi integrate non in presenza di qualunque tipo di collaborazione del tutto episodica ma solo allorche’ si adduce l’esistenza di un rapporto di collaborazione professionale stabile e continuativo, ancorche’ non avente fonte in veri e propri provvedimenti formali di nomina producibili dall’interessato”.
Su questa interpretazione limitativa della funzione del parlamentare e delle collaborazioni politiche di cui possa avvalersi, riducendole a mero rapporto di lavoro di funzionario di partito, presentero’ una interrogazione parlamentare.

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi