Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

La legge 194 non solo cercava di evitare la solitudine della donna predisponendo consultori familiari, ma poneva fine alla colpevolizzazione della donna e al concetto dell’aborto come reato contro la stirpe.
Oggi, a tanti anni di distanza si propone la colpevolizzazione della donna che sola non e’ in grado di decidere passando e utilizzando strumentalmente la pillola Ru486.
I timori del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, che la pillola abortiva possa essere acquistata altrove che nei presidi ospedalieri pubblici dove si praticano le interruzioni di gravidanza (1), sono gli stessi che puo’ avere per l’uso di farmaci non consentiti e fuori dai protocolli medici e sanitari.
Ma forse sara’ bene che il ministro sappia che soprattutto tra le immigrate, oggi, con il reato di clandestinita’, più di ieri, e’ diffuso l’uso di farmaci che prescritti per altre patologie vengono usati per provocare aborti mettendo a rischio anche la loro vita.
Anche questo era nello spirito della 194: impedire che le donne si rivolgessero ai cucchiai d’oro o alle “mammane” e mettessero a repentaglio la loro salute e in alcuni casi la loro vita. Le politiche etiche del ministro Sacconi paiono tutte rivolte a ricreare lo spirito ante 194.

(1) http://www.aduc.it/dyn/salute/noti.php?id=270065

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

1 Risposta to “Ru486: Sacconi e la crociata contro le donne”

  1. Gibbo Says:

    L’aborto è un omicidio!
    Ci si accanisce contro il più debole che non può parlare, è l’olocausto moderno. Vergognatevi!
    La vera rivoluzione sarebbe un’educazione all’affettività seria, un utilizzo sensato dei contraccettivi e non scaricare il problema su una povera creatura che non ha fatto nulla di male (in molti casi nemmeno la donna ha fatto nulla di male sia chiaro, però allora di innocenti ne abbiamo due) Sviluppiamo le adozioni, aiuti veri alle ragazze madri in difficoltà, non scegliamo sempre la via più facile, scegliamo per una volta quella più giusta

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi