Prostituzione. Il doppiopesismo e la doppia morale senza morale

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Mentre proseguono le paginate dei giornali dedicate alla prostituzione di alto livello, le cosiddette escort o accompagnatrici, il Senato decide di mantenere nelle due commissioni piu’ prestigiose (Affari Costituzionali e Giustizia) l’esame per tutta la settimana del disegno di legge governativo che intende mandare in carcere (e comunque sottoporre ad un processo) le lucciole e i clienti di strada.
Ennesima dimostrazione del doppiopesismo? Doppia morale, senza morale?
Prostitute d’alto borgo che esercitano e forniscono servizi sessuali a pagamento (poca importa se e’ la mazzetta o il gioiello o altro che viene lasciato sul comodino) a casa propria o del cliente, anche quando questi occupa luoghi istituzionali e “lettoni” presidenziali, non sono punibili oggi e non lo saranno all’indomani dell’eventuale approvazione della legge Carfagna.
La prostituta e il relativo cliente meno facoltoso costretti a trovarsi per strada, oggi non sono punibili per avere contrattato in un luogo pubblico la prestazione sessuale a pagamento che poi sara’ consumata in macchina o in ambienti chiusi. Domani, grazie all’intervento del Governo, rischiano un processo entrambi, il carcere e sanzioni amministrative.
Dalla gia’ pessima massima illiberale “io non lo farei e tu non lo devi fare”, si passa alla massima della filosofia berlusconiana e del popolo della liberta’ “io faccio quello che mi pare, e a te ti metto in galera”!
Peccato, la soluzione liberale c’era e in materia di prostituzione era sotto gli occhi di tutti: regolamentare e legalizzare il fenomeno.

Qui il mio disegno di legge

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi