Carceri. 3 morti per pestaggi in un mese: inquietante escalation di violenza. Si faccia luce subito. Interrogazione

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Nelle carceri della Sardegna si registra un dato davvero inquietante: nel solo mese di maggio tre persone detenute, due italiani e una nigeriana, sono morte, secondo quanto riferito, dopo essere state coinvolte in zuffe con altri detenuti.La responsabilità di tali pestaggi, due avvenuti nel carcere Buoncammino di Cagliari, uno in quello di Oristano, per il momento sarebbe attribuita a detenuti immigrati. Poco altro è stato diffuso a proposito delle inchieste aperte dalla magistratura che ancora attendono i risultati di autopsie e perizie necroscopiche per accertare le reali cause dei decessi.

Comunque siano andate le cose, ci sembra urgente e necessario chiedere che le istituzioni facciano luce subito su una tale escalation di violenza in pochi giorni all’interno delle carceri. E’ un dato che, con l’aumento della popolazione detenuta, nuovamente in gran parte sovraffollate,  si registra più in generale nell’intero territorio nazionale, ma che in Sardegna, dove anni fa scoppiò lo scandalo dei pestaggi nel carcere di San Sebastiano, assume un carattere ancora più sinistro. Col collega Sen. Marco Perduca nei prossimi giorni presenteremo un’interrogazione urgente al Ministro della Giustizia per chiedere l’avvio di un’indagine ministeriale sui casi avvenuti in Sardegna, e a breve eseguiremo delle visite parlamentari nelle carceri della Regione.

Qui il testo dell’interrogazione 

 

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi