Asili. Ordine del giorno per l’adeguamento ai parametri europei

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Perche’ anche in Italia il numero di asili presenti sul territorio raggiunga i livelli europei, ho depositato un ordine del giorno al decreto-legge n.185 sulle misure urgenti a sostegno di famiglie, lavoro, occupazione e impresa. Hanno aggiunto la loro firma anche i senatori Emma Bonino, Marco Perduca, Francesca Maria Marinaro, Maria Ida Germontani e Pietro Ichino.
L’attuale situazione economica e politica rischia di penalizzare per l’ennesima volta le donne e soprattutto le donne madri che, per esser tali, spesso sono costrette ad abbandonare il lavoro (una su dieci). Mentre i livelli minimi europei (agenda di Lisbona), indicano di soddisfare almeno il 33% della domanda, in Italia siamo solo al 10%. L’unico Comune capoluogo di regione che in Italia supera la percentuale indicata da Lisbona e’ Bologna (35%) seguito, al di sotto dei livelli minimi, da Firenze col 29%. I 774 milioni di euro del Fondo speciale ad hoc istituito da Governo, Regioni e autonomie locali, non sono stati spesi e ci sono regioni come Campania, Abruzzo e Calabria che non hanno neanche presentato piani di spesa.
Inoltre i servizi alternativi agli asili sono praticamente insistenti. Sono circa un migliaio i voucher di 1.500 euro che la Regione Toscana da gennaio 2008 eroga direttamente alle famiglie. Le “tages mutter”  (il termine in tedesco significa “Mamma di giorno”: una persona adeguatamente formata che offre educazione e cura i bambini di altri presso il proprio domicilio) sono, per esempio, presenti ed economicamente sponsorizzati nel Comune di Firenze, nelle province di Trento e Bolzano e nella Regione Lazio, ma praticamente inesistenti sul territorio nazionale.
Nell’ordine del giorno si chiede al Governo di
- promuovere con ogni strumento utile iniziative come quelle sopra esposte che riguardano forme alternative agli asili nido pubblici, anche attraverso campagne di informazione sociale e interessando la Conferenza Stato Regioni;
- semplificare l’iter burocratico al fine di snellire le procedure di accesso ai fondi e affrontare il problema delle Regioni che non presentano piani di spesa e che hanno una minima ricettivita’ di bambini per la creazione di nuovi nidi pubblici.

Qui il testo integrale dell’ordine del giorno

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi