Ancora talidomide? Interrogazione parlamentare

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

In Germania si e’ appena concluso con un accordo di risarcimento l’affaire Contergan -farmaco a base di talidomide assunto negli anni ’50 e ’60 da donne incinte contro dolori e nausee, e rivelatosi poi causa di malformazioni del feto (1).

In Italia si stimano le vittime in 600/700, ma un censimento ufficiale non e’ mai stato fatto. Nel 1962 il Ministero della Sanita’ ne ordino’ il divieto del commercio ed il ritiro dal mercato con un ritardo di 6 mesi rispetto agli altri Paesi europei. Per il mancato risarcimento si e’ dovuto attendere il 2006, quando la legge n.27 all’art.3 prevedeva il riconoscimento giuridico della malattia ma il decreto attuativo non e’ mai stato emanato.

La Finanziaria 2008 ha stanziato alcuni fondi (insufficienti) in merito. Per la voce “risarcimento danni da trasfusioni, vaccini e talidomide”, sono stati stanziati 180 milioni di euro annui a partire dal 2008 (che si aggiungo ai 100 gia’ previsti per il 2007) per il risarcimento dei danni subiti a seguito di trasfusione, vaccinazioni e sindrome da talidomide.

Un’interrogazione presentata da me medesima lo scorso novembre 2007 alla Camera, grazie alla collaborazione dell’Associazioni TAI Onlus e della Cellula Coscioni di Millano, non ha mai avuto risposta (2).
In questi giorni l’Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori), ha fatto presente che il Brasile registra la terza generazione di vittime del talidomide. A seguito dell’affaire Contergan, nel 1962 quel Paese ha bandito il talidomide, ma pare che sia circolato ancora fino al 1965. A cio’ s’aggiunga che nel 1964 il dermatologo israeliano Jacob Sheskin scopri’ l’efficacia del talidomide contro la lebbra. Da allora, migliaia di lebbrosi brasiliani sono stati curati con Talidomida, la pasticca a basso costo prodotta in America Latina, che nel frattempo viene prescritta anche contro Aids e cancro.
Il Brasile non e’ l’unico Paese ad autorizzarla. E’ presente anche in altri Stati da quando, dieci anni fa, la statunitense “Food and Drug Administration” diede il via libera, sotto strettissima vigilanza, a Thalomid dell’azienda Celgene per trattare malattie del midollo spinale. In Europa il principio attivo, utilizzabile nella cura del mieloma multiplo, e’ in fase di autorizzazione. E comunque, il suo parente stretto, Lenalidomid, e’ gia’ in vendita dal 2007 sotto il nome commerciale di Revlimid (prodotto da Celgene). E su questo, sempre l’Aduc ha sollecitato il nostro ministero ad intervenire.

Per questo ho presentato un’interrogazione al ministro del “Lavoro, Salute e Politiche Sociali”, Maurizio Sacconi, per sapere se

- nel nostro Paese la circolazione di farmaci con questo principio attivo e’ in corso o lo sara’ a breve;

- quali precauzioni sono in corso o saranno prese per evitare il ripetersi di quanto gia’ avvenuto nel nostro e negli altri Paesi.
<!–[if !supportLineBreakNewLine]–>

 

Qui il testo dell’interrogazione

 

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

1 Risposta to “Ancora talidomide? Interrogazione parlamentare”

  1. Giancarlo Says:

    Gentilissima Senatrice Porretti,
    abito a Milano, sono una vittima del Talidomide e voglio ringraziarla per la sua interrogazione parlamentare del 16 maggio scorso nella quale ribadiva la scandalosa condizione delle vittime italiane del Talidomide dimenticate da quasi 50 anni dagli innumerevoli governi e ministri della salute, più di 40, che si sono succeduti dal 1962 ad oggi.
    Ha fatto bene anche a esprimere preoccupazione per la leggerezza con cui le strutture sanitarie brasiliane prescrivono farmaci, a base di talidomide, contro la lebbra.
    Desidero informarla che il Ministero della Salute, lo scorso mese, ha provveduto ad inserire, nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, 6 nuove patologie croniche o invalidanti che hanno diritto all’esenzione dalla partecipazione al costo tra cui la Sindrome da Talidomide.
    Nella finanziara 2008 all’art. 2 comma 363 è stata inserita una norma che riconosce anche anche ai soggetti affetti da Sindrome da Talidomide un indennizzo sotto forma di vitalizio già riconosciuto ai danneggiati da vaccinazioni obbligatorie dalla legge 229 del 29 ottobre 2005, questa norma, introdotta grazie all’azione dell’On. Antonio Borghesi, presenterà seri problemi nella sua applicazione poichè la legge 229 moltiplica per 6 l’indennizzo già riconosciuto ai danneggiati da vaccinazioni obbligatorie e trasfusioni dalla Legge 210 del 25 febbraio 1992, il problema sorge perchè le vittime del Talidomide non beneficiano della legge 210. Come può rendersi conto è una bella matassa da sbrogliare.
    Grazie ancora per la costante attenzione che ha nei riguardi della nostra causa
    un caro saluto
    Giancarlo

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi