Prostituzione. Il reato di Berlusconi, uno scherzo di cattivo gusto…

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Se non fosse una cosa terribilmente seria sarebbe da morir dal ridere! Mentre il Paese e’ travolto dai racconti delle prestazioni sessuali e delle tariffe (in alcuni casi fuori mercato) della prostituzione che frequenta gli ambienti di Palazzo Chigi e degli altri Palazzi della cittadella politica, arriva la notizia che il Governo approva un decreto in cui la trasforma in reato.
Sono impazziti? In pieno conflitto di interessi si autodenunciano e si creano un reato contro se’ stessi?
Evidentemente no. Le ragazze dei giri di Berlusconi si chiamano escort, quelle per strada si chiamano prostitute e solo per quelle si prospetta il reato.
Invece che produrre politiche per combattere lo sfruttamento, per colpire la criminalita’ organizzata che traffica con donne, uomini e bambini e al contempo regolarizzare chi invece esercita il mestiere più antico del mondo, si introduce un reato senza vittima….

Certo che da esperto utilizzatore finale di prestazioni sessuali a pagamento ci saremmo aspettati un intervento più liberale. Si e’ preferito il mero disfacimento morale che vieta ad altri di fare cio’ che lui usa e abusa fare.

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi