Prostituzione e fisco. Da una cartella esattoriale si puo’ rivedere la Merlin?

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Fisco e prostituzione, accertamenti esattoriali, tasse e diritti negati, era il tema della conferenza stampa tenutasi oggi al Senato. Di fronte alle richieste dello Stato alle prostitute di pagare le tasse sulla loro attivita’, diventa ancora piu’ urgente varare una legge su un ambito lasciato senza alcuna regolamentazione, tanto urgente da avere depositato gia’ dal primo giorno della legislatura, un disegno di legge in materia con il senatore Marco Perduca. Un ddl in tre articoli per il riconoscimento dell’attivita’ di ‘prestazione di servizi sessuali remunerati tra persone maggiorenni consenzienti’. Due i regolamenti previsti, uno per i controlli igienico e sanitari, l’altro per il fisco.E proprio sulle richieste di tasse alle prostitute che oggi abbiamo depositato una interrogazione parlamentare per chiedere al governo una ‘interpretazione uniforme’ alla quale l’Agenzia delle Entrate si attenga per il trattamento fiscale dei redditi derivanti dalla prostituzione. Questo sempre in attesa di una legge che ponga fine all’attuale situazione di incertezza, ma che provoca anche lo sfruttamento di tante donne.
All’incontro ha preso parte anche Margherita, una ‘accompagnatrice’ che ha avuto una ‘cartella’ da 88 mila euro, presente anche l’avvocato, Luca Berni, che assiste una prostituta che ha ricevuto un’altra cartella esattoriale e che spiega di volere non un pagamento “fatto cosi’” ma un reddito di una attivita’ riconosciuta, superando l’ipocrisia di fondo e una morale cattolica che mantengono una situazione che porta allo sfruttamento e al degrado. Bruno Mellano, presidente dei Radicali, ha evidenziato come siamo di fronte alla sconfitta della politica, tale da far emergere contraddizioni che potrebbero spingere per affrontare il tema.
Come si puo’ fare la dichiarazione dei redditi per una attivita’ che non e’ riconosciuta giuridicamente? A fronte del pagamento delle tasse deve esserci il riconoscimento dell’attivita’ svolta dalle prostitute. In caso contrario lo Stato sarebbe paragonabile ad uno sfruttatore perche’ ‘esige’ o ‘estorce’ balzelli dai proventi della prostituzione, attivita’ che non riconosce. Noi chiediamo quindi al governo di darci una risposta perche e’ una situazione che potrebbe portare a denunce”. A preannunciare proprio una denuncia per sfruttamento da parte dello Stato e’ stata Pia Covre, presidente del Comitato dei diritti civili delle prostitute e su questo ha gia’ visto il sostegno di Sergio Rovasio, segretario dell’associazione Certi Diritti, che ha evidenziato come in Italia stiamo regredendo in tema di diritti civili.

Il disegno di legge

L’interrogazione

Le leggi sulla prostituzione negli altri paesi europei 

Il video della conferenza stampa

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi