Osservatorio disabilità. Che fine ha fatto?

Interpellanze Stampa Stampa Invia un commento

Interpellanza dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca al Ministro del Lavoro e Politiche sociali

Premesso che:
- la Legge 3 marzo 2009, n. 18 di “Ratifica ed esecuzione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità, con Protocollo opzionale, fatta a New York il 13 dicembre 2006 e istituzione dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità”(pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 61 del 14 marzo 2009)all’art. 3 si istituiva l’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità;

- Secondo la legge l’Osservatorio ha i seguenti compiti:
a) promuovere l’attuazione della Convenzione di cui all’articolo 1 ed elaborare il rapporto dettagliato sulle misure adottate di cui all’articolo 35 della stessa Convenzione, in accordo con il Comitato interministeriale dei diritti umani;
b) predisporre un programma di azione biennale per la promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità, in attuazione della legislazione nazionale e internazionale;
c) promuovere la raccolta di dati statistici che illustrino la condizione delle persone con disabilità, anche con riferimento alle diverse situazioni territoriali;
d) predisporre la relazione sullo stato di attuazione delle politiche sulla disabilità, di cui all’articolo 41, comma 8, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, come modificato dal comma 8 del presente articolo;
e) promuovere la realizzazione di studi e ricerche che possano contribuire ad individuare aree prioritarie verso cui indirizzare azioni e interventi per la promozione dei diritti delle persone con disabilità.

- ai sensi di tale legge, il Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, con regolamento adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, avrebbe dovuto prevedere la disciplina la composizione, l’organizzazione e il funzionamento dell’Osservatorio;

- l’Osservatorio, composto da non piu’ di 40 membri nominati, che dura in carica tre anni, che per gli anni 2009-2014 sono stati stanziati 500 mila euro e che tre mesi prima della scadenza dovrebbe presentare una relazione al Governo sulla sua attività.

Considerato, inoltre, che:
- è passato più di un anno e ancora non si hanno notizie circa l’operatività e la costituzione di tale osservatorio.

Per sapere:
- se il citato Osservatorio sia al giorno d’oggi insediato, se il ministero ha adottato il regolamento, quali componenti siano stati nominati e, nel caso, quando ciò sia avvenuto;
- in caso contrario: per quali motivi non sia stato rispettato il termine di tre mesi dalla pubblicazione della legge 3 marzo 2009 n.18, entro cui costituire l’Osservatorio, e quando si prevede che lo stesso sarà costituito.

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi