Tasse e prostituzione: dal caso di Parma un buono spunto per il legislatore

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Alla vigilia del dibattito parlamentare sul disegno di legge sulla sicurezza dove e’ stato preannunciato un intervento anche sulla prostituzione, la notizia che arriva da Parma con la Guardia di Finanza che chiede il pagamento delle tasse alla giovane prostituta uruguayana, potrebbe essere un ottimo spunto e un buon punto di partenza. Novanta mila euro e’ la cifra calcolata sulla base dei 357 mila guadagnati in quattro anni con la sua attivita’ e siccome secondo le Fiamme Gialle, “il meretricio e’ un atto civilisticamente illecito”, i guadagni “sono tassabili quali redditi diversi derivanti da proventi illeciti”. L’avvocato della prostituta, Luca Berni, impugnera’ il provvedimento: “Se si vogliono far pagare le tasse alle prostitute bisogna prima garantire quelle forme di tutela, regolarizzazione e assistenza che attualmente in Italia non ci sono. La Finanza precisa che la prostituzione non e’ reato, lo e’ invece lo sfruttamento. Ma la mia assistita lavora in proprio e non sfrutta nessuno”.
E’ esattamente quello che come senatori Radicali eletti nel PD, abbiamo scritto in un disegno di legge depositato al Senato e ribadito in un ordine del giorno che il Governo non ha voluto prendere in considerazione (1).
In alcuni Stati europei, anche su pressione delle stesse organizzazioni dei cosiddetti “sex workers” (lavoratori sessuali), si e’ deciso di procedere alla legalizzazione della prostituzione ed alla trasformazione di questa attivita’ in una normale professione, sotto forma di lavoro dipendente, indipendente o cooperativo, con i diritti e doveri che ne conseguono, compresi quelli relativi all’assicurazione previdenziale e di tassazione.
Questa misura ha innanzitutto permesso di separare la prostituzione volontaria da quella coatta: la prima e’ “emersa” ed ha trovato forme legali di svolgimento, minimizzando i costi che ricadono sulla societa’ e sulle persone che svolgono l’attivita’. L’apparato repressivo si e’ potuto cosi’ concentrare in modo più efficace ed efficiente sulla lotta alla prostituzione coatta ed allo sfruttamento, compreso quello dei minori, delle persone minorate o tossicodipendenti.
In questo caso di cronaca, in cui la Guardia di Finanza ha ragione nel sostenere che trattandosi di attivita’ illecita (anche se non perseguibile penalmente, ma comunque non riconosciuta civilisticamente), ma ha ragione anche il legale della donna quando sollecita che se l’attivita’ non e’  un reato debba essere riconosciuta e a fronte del pagamento delle tasse debbano anche esserle riconosciute delle tutele che oggi non esistono.
Resta percio’ valido l’invito fatto al Governo a riconoscere come professione l’attivita’ di prestazione di servizi sessuali remunerati tra persone maggiorenni consenzienti e a disciplinarla e regolamentarla nel pieno rispetto dei diritti lavorativi attraverso interventi dei ministeri del Lavoro, Salute e Politiche Sociali e dell’Economia e Finanze.

(1) Qui il testo dell’ordine del giorno depositato in Senato

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

1 Risposta to “Tasse e prostituzione: dal caso di Parma un buono spunto per il legislatore”

  1. alba Says:

    Grazie Donatella, del lavoro che stai facendo!
    Anche in nome della mia amica Maria Ornella Serpa, che ha lottato fino all’ultimo per le/i sex workers liber** e responsabil**.

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi