Class Action. Bene il rinvio di una legge fatta male, ma non sia motivo per eludere affermazione ed esercizio del diritto all’azione collettiva

Comunicati Stampa Stampa Invia un commento

Non ha torto il ministro Claudio Scajola quando dice che l’attuale normativa sulla class action e’ impraticabile per certi aspetti e questi ultimi vanno rivisti a tutela del consumatore. Potrebbe pero’ passare dalla ragione alla beffa se le sue affermazioni fossero solo un tentativo per assecondare le richieste del presidente di Confindustria e, nel contempo, eludere affermazione e diritto al diritto all’azione collettiva.La legge che dovrebbe entrare in vigore a luglio e’ molto carente. Ha solo un pregio: introduce il concetto di class action nel nostro ordinamento. Per il resto e’ solo uno schiaffo alla Costituzione (non tutti i cittadini possono promuoverla) e un invito a non utilizzarla (l’eventuale sentenza favorevole del giudice e’ solo il preambolo per cause civili individuali –coi tempi jurassici di questi procedimenti- per ottenere il risarcimento).
In proposito, grazie alla collaborazione dell’Aduc (associazione per i diritti degli utenti e consumatori) ho gia’ depositato un disegno di legge che, coi dovuti accorgimenti, si rifa’ al rito americano di questo procedimento (1).
Bisognera’ quindi prestare molta attenzione perche’ il Governo indichi una scadenza entro la quale le nuove norme devono diventare operative, altrimenti c’e’ poco da fidarsi: e’ bene ricordare che l’attuale maggioranza di Governo, nella passata legislatura, oltre a non aver votato la normativa sulla class action che oggi viene sospesa, non aveva presentato nessun progetto di legge in merito. Un dato di fatto che rende poco incisive le parole di oggi del ministro Scajola, quando dice di voler meglio tutelare quel consumatore che proprio il suo schieramento aveva ignorato in una legislatura, tra l’altro, in cui una normativa del genere avrebbe potuto vedere la luce in modo bipartisan… cosi’ come potrebbe essere anche in questa legislatura.

Qui il testo del disegno di legge

 

Aggiungi fra i preferiti e condividi:

1 Risposta to “Class Action. Bene il rinvio di una legge fatta male, ma non sia motivo per eludere affermazione ed esercizio del diritto all’azione collettiva”

  1. Avv.to Pietro Coticoni Says:

    Concordo in pieno.
    Le consiglio di leggere il mio saggio:
    Flessibilità e staticità degli ordinamenti nell’ambito delle mutazioni dell’economia globale.
    Le lascio il mio sito
    http://www.studiolegalecoticoni.com
    Cordialità

Invia un commento

Devi essere un utente registrato per inviare un commento.

WP Theme & Icons by N.Design Studio
RSS Articoli RSS Commenti Accedi